martedì 19 novembre 2013

Wiva Super Mario! Viva super Mario del Veneto! WSM!





Wiva Super Mario!
La bandiera di Super Mario di san Marco. Illusione per i veneti nostalgici.


Quando la nostalgia inganna:
Wiva Super Mario!  WSM!

Ancò xe un dì de sol, anca se xe la metà de novembre. Cussì che bel che al xe 'ndar a far na caminada sula strada che porta a Signoressa. I gha fato un bel marciapiè e son squasi siguro che no i me vien dosso. Ma anca se ghe vedo poco, sto atento che qualche mato no me mete su la soa mira. Pi avanti ghe xe na ostaria che i fa anca le pizze e cato Mario.
La xe na ostaria de quele bone dato che quande ghe domande un capuccino, no i me varda mal. Quele altre xe ostarie venete doc e no i fa capucini.
Che bela jornada! Ghe diso a Mario. Lu al fa un segno co la testa, ma nol pensa ale me parole. Al me mostra un manifesin de un incontro che se fa a Venessia. Sora ghe xe un leon gialo che al me varda furioso. Ti vientu, vero? Al me dise Mario, al par sta olta no pol acetar scuse. Mi lora taco a tirar par longo. Mario, ghe diso, ma cossa fio la a Venessia? 'Ndeo anca a magnar fora? Mario al se illumina e al me conta che se farà na gran cena vissin a Miran e anca entro na villa veneta ghe ghe xa comprà un beker de Mestre. Sto beker al xe na persona potente che gha schei e che dess al aiuta i veri veneti. Na olta al ziera un gran amigo de quei che i sa far politica par noialtri. Dess al gha imparà, dess semo noialtri che ghe sbusaremo al cul ala Italia. Dopo saremo libari, WSM! Mi scolto, (no posse dirghe su na recia Wiva Super Mario!). No posso perder un amigo. Fora al riva i carabinieri e i taca a vardar le machine. Mario al scampa fora come un fulmine e al va ala soa machina e la porta pi vanti,  davanti al parcheggio  de la farmacia. Dopo a torna e al varda i militi che fa multe. No se pol parcheggiar fora delles strisse. Mario al xe tuto sudà e al gha perso in poca del so entusiasmo. Ma i so oci i tra fora rabia e al me dise. Tu vedarà, si tu vedarà che quande che saremo in consilio, se fasemo sentir! Al Leon ne salva, ne fa star unidi, tuti par Venessia! WSM. Ma nol me varda pì. Xe rivadi i so amighi e al odina un giro de ombre e anca un piato de nervi co polpette frede e anca folpi lessadi. Tuti lori i gha catà sto attimo de festa che ghe fa le aneme un pocheto pì leggere. Mi intanto vardo fora, pena pì vanti al mur de la villa col parco. Che bei quei alberi, che colori, e me perdo su sta roba che nissuni vede.
Dopo vien entro un bacan inrabià: I gha rovinà al Leon! Xe 'ncora quei italioti! I gha rovinà al Leon!  Tuti scampa fora col bicier in man e i taca a bestemmar. Anca mi vado fora e vardo 'ndove che i varda lori. Sul mur de la villa ghe xe un manifesto col leon gialo, Pararia che i lo gha spotacià e strissà un poco. Ma gnente, i me oci i continua a vardar i alberi e i colori de stà natura. Anca al color del cielo. E torno drento a pagar e i sento tuti a urlar. WSM" Wiva Super Mario!
Dess son storno, e torno verso casa, ghe xe 'ncora do ore de sol. Ma nissuni se incorze de sta roba.
Gian Berra. 2013







Nessun commento: