mercoledì 19 marzo 2014

Nonna Maria Stramare in Berra da Segusino. I ricordi di una vera anima veneta. Gian Berra 2014



Nonna Maria Stramare in Berra da Segusino. I ricordi di una vera anima veneta. Gian Berra 2014



Il libro di Gian Berra per ricordare le donne eroine silenziose
del popolo veneto.



Nessun libro accademico o di storia parla del vero volto del popolo veneto. Nessuno di loro, dei nostri vecchi che hanno dedicato in silenzio e senza ricompensa la loro intera vita a regalarci un futuro più umano. Purtroppo anche oggi gli avvoltoi che sempre hanno straziato le anime venete sono all'azione. Per questa ragione è utile ricordare chi ha dato tutto per noi.
Nonna Maria Stramare in Berra di Segusino.
Ecco, finalmente anche questo lavoro è finito e lo metto per prima cosa su questo gruppo. Gli altri aspetteranno. Forse c'è qualche errore e andrà rivisto specialmente se qualcuno mi darà altre notizie
da inserire. Scavare tra i ricordi è faticoso e …
Gian Berra





http://it-it.facebook.com/gian.berra



http://www.scribd.com/gianberra



Il carnevale di Arlecchino in piazza San Marco a Venezia con Napoleone, il Doge e il patriarca della Serenissima...

Il carnevale di Arlecchino in piazza San Marco a Venezia con Napoleone, il Doge e il patriarca della Serenissima...
Arlecchino, servo veneto, rispettoso delle autorità che hanno distrutto l'identità del popolo veneto, chiede aiuto al gran Napoleone per riunire in piazza San Marco finalmente per chiarire un momento solenne e liberatorio: La fine definitiva del mito della grande Venezia serenissima.
Mito sepolto per sempre malgrado gli avvoltoi che ancora tentano di ingannare il popolo veneto.

Arlecchino presenta Napoleone al Doge e al patriarca di Venezia
olio su tela di Gian Berra, 60x80, 2014

 Arlecchino presenta Il carnevale con Napoleone, il Doge e il patriarca di di Venezia ( prima parte)

Eco, mi son qua. Me toca incontentar qurl mato de Gian Berra che nol me lassa pi star. Me scuso co tuti ma quande che quel mona al taca a rompar, me toca movarme e darme da far.
Sto qua xe solamente un toco del quadro che Gian Berra al gha dedicà al incontro che a mi, Arlechin, ma ga tocà organisar. Che casin ciamar tuti e far sta cagada.
Me gha tocà convinzer Napoleon, al Doge ( puro can) e anca al Patriarca paron dele aneme venete, a vestirze tuti in maschera e farli incontrar su la piazza de San marco assieme a un poche de comparse. Quele le xe vegnide tute de corsa pur de farse vedar co sti personaggi che par tante mone.
Napoleon al xe ceo, ma al se ga messo un costume co picà davanti na borsetta paraballe che xe un sogno. Mi son la che lo presento a quei altri do che vedarè sul prossimo post.
Vardè che ghe xe anche al porseo, no solamente al gato. Tuti vestidi da mone, imbarassadi a morte  de far sta parte. Gian Berra par fortuna adesso al xe contento e chissà che la me lassa star almamco par un pocheto... speremo.
Arlechin, servo vostro.

Particolare: Napoleone accanto al Doge e al patriarca di Venezia...

Venezia la bella è ormai un cadavere da mostrare come reliquia alla follia.

Arlecchino presenta il Doge di Venezia e il Patriarca illustrissimi a ossequiare il Gran Napoleon ( seconda parte ).
No ste a farme denuncie su la Gran Nazion Veneta defunta. Mi parlo col cul. Sta zente nobile la spuzza  de merda secca, ma no se sente parché  lori i se profuma. Quande che gho ciamà al Patriarca ( queo col capel ciaro da vescovo) lu nol gha fato 'na piega. Al me ga dito su una recia che a lu no ghe interessa chi comanda: Che i sia i venessiani, i francesi, i autriaci o i taliani de Roma... tuto va ben parché lu al patriarca al sarà sempre là al so posto a ciuciar le aneme del popolo veneto.
Invenze al Doge al se gha messo a ridar, finalmente al pol scampar via  dall'appartemento al Palazo Ducal 'ndove ghe tochea star come in prison. Anca là ghe iera si un cesso, ma 'gnente bagno.
Gavio visto al poerzeo che contento che al xe da catar finalmente zente che fa festa co sentimento?
Napoleon nol vede la ora de scampar via, de tornar a casa soa. Lu al gavea ricevuo dal direttorio de Parigi de portar a casa pi tesori che al podea e restar vivo. Al ghe la ha fata a far anche ben de pì.
Stasera, dopo aver magnà tuti al porzeo, 'ndaremo tuti in let co la anema pi libera e legera.
Servo vostro Arlechin.
Gian Berra 2014
Napoleone e Arlecchino ( particolare)

http://it-it.facebook.com/gian.berra




http://www.scribd.com/gianberra