martedì 4 agosto 2015

Gente del Veneto guarda al suo antico padrone con occhio nuovo...





Gente del Veneto guarda al suo antico padrone con occhio nuovo...


19
Gemo al sogna Venessia.

Anca qua a Miran, Gemo al camina
dopo magnà.Par far scampar i pensieri.
Al varda zo sul canal
quel che se specia, de le ville
dei siori che vegniva
da Venessia.
Tira un pocheto de vent,
che al suga via al sudor
che al vien su, anca
solamente a vivar.
Al pensa sempre a quande,
pena sposà, gha tocà
lassar la casa sul canal, zo in laguna.
No ghe ziera pì posto par lu.
Dopo quande che so mare xe morta,
gnanca pì tornà.
Al se pensa, da zoven al girar in nave,
tanti ani a vardar al mondo,
a scargar e cargar, mai co la calma
de tirar al fià.
Al sal al gha tirà la pel sui so oci.
La fadigha la pesa sui oss,
anca se la testa la varda dreta vanti.
Gemo, pensa all'udor, ala voia
de zugar vardando oltra, la zo in fondo,
ndove anca al ciel se confondea
col mar. No ghe ziera confin, gnanca
de pensar che gnente sarià mai cambià.
Che bel sognar, gustar de star sentadi
su na storia che la vardava se stessa.
Ma al temp xe assasino, a ne porta
fora. Al ne copa la speranza.
Lora sule recie, ghe torna la campana
che la ciamea le vecie e i bocie
matina prest, tuti a vardar lontan
al campanil. Bastea ela par tacar a vivar
naltro dì, a tirar entro la aria fresca
che vegnia dal mar.
No ghe ziera da pensar al futuro,
par quei che viveva su un quadro
co la cornize, tuta de oro.
Co sta richezza sul cor, Gemo
al sa che no la perdarà mai.
Al sa lu, che se anca i sogni,
prima o dopo i finisse,
Venessia xe un sogno,
che no finirà mai.
Gian Berra 2105

TRADUZIONE


Gemo sogna Venezia.
Anche qua a Mirano, Gemo cammina
dopo mangiato. Per far scappare i pensieri.
Guarda giù sul canale
ciò che si specchia delle ville
dei signori che venivano
da Venezia.
Tira un po' di vento,
Che asciuga via il sudore
che viene su, anche solamente
a vivere.
Pensa sempre a quando,
appena sposato, gli è toccato
lasciare la casa sul canale, giù in laguna.
Non c'era più posto per lui.
Poi, quando sua madre è morta,
neanche più è tornato.
Ricorda, da giovane a viaggiare in nave,
tanti anni a girar il mondo,
a scaricare e caricare, mai con la calma
di tirare il fiato.
Il sale gli tira la pelle degli occhi.
La fatica gli pesa sulle ossa,
anche se la testa guarda dritta davanti.
Gemo pensa all'odore, alla voglia
di giocare guardando lontano
la in fondo,
dove il cielo si confondeva col mare.
Non c'era confine, nemmeno al pensare
che nulla sarebbe mai cambiato.
Che bel sognare, gustare di stare seduti
su una storia che guardava sé stessa.
Ma il tempo è assassino, ci porta fuori.
Ci uccide la speranza.
Allora alle orecchie, gli torna la campana
che chiamava le vecchie e i bambini
la mattina presto, tutti a guardare lontano
il campanile. Bastava lei
per cominciare a vivere
un altro giorno, e tirare dentro
l'aria fresca che veniva dal mare.
Non c'era da pensare al futuro
per quelli che vivevano dentro un quadro
con la cornice tutta d'oro.
Con questa ricchezza sul cuore, Gemo
sa che non la perderà mai.
Sa lui, che se anche i sogni
prima o dopo finiscono,
Venezia è un sogno,
che non finirà mai.

Gian Berra 2015




Sul 'ndar a Foen de Feltre se incontra la vecia stia del porzel. Voda, bandonada come la casa rente del bacan che ghe tochea tenderghe. Anca se al bacan ghe tochea solamente che i osi. La carne del porzel la xera del paron che al gavea la villa là tacà vizin. Dopo xe rivà Napoleon anca a Feltre a al gha parà via a scarpade tuti i nobili e i preti che par 1000 ani i magnava gratis sul nostro popolo veneto puareto.
Desso anca al porzel no tornarà pì su sta stia. Che delusion, che tormento. Che pena...
Gian Berra che ghe fa mal la schena a netar al bosc.
Per andare a Foen da Feltre si incontra la vecchia stia del porcello. Vuota, abbandonata come la casa del contadino la vicino. Lui doveva badare al porcello, anche se poteva solo grattare solo i suoi ossi. La carne del porcello era del padrone che aveva la villa la vicino. Dopo è arrivato Napoleone anche a Feltre, e ha mandato via a pedate tutti i nobili e i preti che per 1000 anni avevano mangiato gratis sul nostro povero popolo veneto.
Così adesso il porcello non tornerà più sulla sua stia. Che delusione, che tormento. Che pena...
Gian Berra che gli fa male la schiena a pulire il bosco.




Ostia fioi, gavio visto che paracarri? Grossi, grandi e solidi. Pì alti de tre omi. Maria santa cossa mai voli dir a noialtri che se passa tacà sto cancel che ne divide da tanta importanza? Chi xeli mai i paroni de sto posto a Feltre, tacà al gran seminario che na olta al ghe dava la giusta educazion ai boce de sta terra de montagna veneta? Che al sia del vescovo? 
Savio no che quande che Venessia parona de tuto (anca dele aneme dei veneti puareti), quande che la gha ciapà Feltre la gha meso qua anca al vescovo che la voleva ela? Venessia la gavea al previlegio de nominar ela i vescovi 'ndove che la comandava. Che potere, che gloria par ela.
Che i gapia messo sto vescovo servo de Venessia drento sti cancei?
Ghe voleva de seguro un mur cossita alto par custodir un omo de tanto onor. Ma de cossa gavelo lu mai paura?
Fursi nol xera senza colpe par al mal che al ghe faseva al popolo de Feltre?
Robe vecie, pasade e morte par sempre dopo che quel toso Napoleon al gha fato na purga cossì granda che i furbi i xe drio schitar ancora anquoi.
Desso, tacà al canciel i gha messo le scoasse. E i gha fato ben ostia!
Anca se a mi quele piere le me fa ancora un poca de paura e schifo. Ancha se le xe bele. Pensa che furbi: i xe riuscidi a far bele anca la arroganza e la violenza. Veri stregoni sti venessiani. Col vestì da festa i te metteva sotto i piè. E anca i te faseva dir che lori i gavea reson, ti no.
Gian Berra
Mamma santa, avete visto che paracarri? Grossi, grandi e solidi. Più alti di tre uomini. Maria santissima. Cosa vogliono dirci a noi che passiamo vicino a questo cancello che ci divide con tanta sufficienza? Chi sono i padroni di questo posto a Feltre vicino al gran seminario che una volta dava la giusta educazione ai bambini di questa terra di montagna veneta?
Che sia del vescovo?
Sapete che quando Venezia padrona di tutto (anche delle anime dei veneti poveri), quando che ha conquistato Feltre ha messo qua anche il vescovo che voleva lei? Venezia aveva il privilegio di nominare lei i vescovi dove comandava. Che potere, che gloria per la Serenissima.
Che abbiano messo dentro questo cancello un loro vescovo servo?
Ci voleva di sicuro un muro così alto per custodire un uomo di tanto onore. Ma di cosa aveva mai paura?
Forse non era senza colpe per il male che faceva al popolo di Feltre?
Robe vecchie, passate e morte per sempre dopo che quel ragazzo Napoleone ha fatto una purga così grande che i furbi sono dietro cacare ancora oggi.
Adesso, accanto al cancello hanno messo le immondizie. Hanno fatto bene, porco cane!
Anche se a me quelle pietre fanno ancora un po' di paura e schifo. Anche se sono belle. Pensa che furbi: Sono riusciti a far belle anche l'arroganza e la violenza. Veri stregoni questi veneziani. Col vestito da festa ti mettevano sotto i loro piedi.
E ti facevano dire che loro avevano ragione. E tu no.
Gian Berra.


20
Gigeta de na olta.
Gigeta, come elo che son passà
tacà al to cortivo?
No so, almanco no me par.
Me son catà rente al to canciel de piera
e i sgrisoi i me gha robà al cor.
Che mal Gigeta, che mal.
Son tornà ai ani bei che no serviva ragionar.
Me bastea pensar a ti, che al mondo gavea un senso.
Mi vegnia a catarte, anca de inverno
su in moto. Che fret Gigeta.
Su là, mi sol, corar su na strada voda e scura.
E to mare che la me olea ben, la me verdea la porta.
E noialtri do sul divan a strucarse...
La toa pel xera un veludo da sognar.
Sentirte la tacà mi, un calor
de promesse, caresse che olea
sempre de pì.
Ma ti sempre tenta a no assar massa
far.
Un baso in boca, e ti calda come al fogo.
Dopo, che bel la domenega,
caminar insieme. Vardarte, come aver tacà mi
la pì bela del mondo.
E dopo, la sul bosc, ti assarme dar
na ciuciada ale tete.
Mi te vardea sui to oci, tento a no
farme vedar, da ti.
Oci che me robea l'anema.
Oci che i parea sempre ridar,
ma co un poca de superbia, 
solamente un pocheta....
Gigeta, no te bastea no un toso
che sognava massa?
Ti tu olea de pì?
Che a le bele tose no ghe bastea
i sogni?
Xe sta un setembre che tu me a dita... basta?
Me son catà co na vita 'ncora tuta da vivar.
Ma senza de ti. Na vita tuta da inventar
col cor svodà.
Finia lora, a quei tempi i bei ani, finia i sogni.
Tachea a vegnirme rente
na realtà cossì si bruta, da scamparghe
via. 
Lora, fursi xera de sognarghen n'altra
tuta par mi?
Che destin Gigeta, quel de vivar de sogni,
xe na strada rebaltada.
Ma mi no so far altro.
Gigeta, ti tu resta un sogno, un ricordo
sconto dai ani.
Dess che al xe tornà, al par sì bel
che son content de averlo
sempre co mì.
Gian Berra


20
Gigeta di una volta.
Gigeta, com'è che sono passato
accanto al tuo cortile?
Non so. almeno penso.
Mi sono trovato accanto al tuo cancello di pietra
e i brividi mi hanno rubato il cuore.
Che male Gigeta, che male.
Son tornato ai bei anni in cui non serviva ragionare.
Mi bastava pensare a te, che il mondo aveva un senso.
Venivo a trovarti, anche d'inverno
su in moto. Che freddo Gigeta.
Lassù, da solo correre su una strada vuota e scura.
E tua madre, che mi voleva bene, mi apriva la porta.
E noi sue sul divano a tenerci stretti...
La tua pelle era un velluto da sognare.
Sentirti accanto a me, un calore
di promesse, carezze che volevano sempre di più.
Ma tu sempre attenta a non lasciar
troppo fare.
Un bacio in bocca, e tu calda come il fuoco.
Dopo, che bello la domenica,
camminare assieme. Guardarti, 
come ad avere accanto la più bella del mondo.
E poi la sul bosco, tu mi lasciavi
dare un succhiotto alle tette.
Io guardavo i tuoi occhi, attento a 
non farmi notare da te.
Occhi che mi rubavano l'anima.
Occhi che parevano sempre sorridere,
ma con un poca di superbia,
solamente un poca...
Gigeta, non ti bastava un ragazzo
che sognava troppo?
Volevi di più?
Che alle belle ragazze 
non bastano i sogni?
Era di settembre che mi hai detto.. basta?
Mi sono trovato con una vita tutta da vivere.
Ma senza di te. Una vita tutta da inventare, 
col cuore vuoto.
Finivano allora, a quei tempi gli anni belli,
finivano i sogni.
Iniziava a venirmi incontro una realtà
così brutta, da scapparvi via.
Allora era forse da sognarne un'altra
tutta per me?
Che destino Gigeta, quello di vivere di sogni,
è una strada complicata.
Ma non so fare altro.
Gigeta tu resti un sogno, un ricordo
nascosto dagli anni.
Adesso che è tornato, pare così bello
che son contento di averlo
sempre con me.
Gian Berra


Grata al mur.
Ma varda qua che mur veci a Feltre.
Par squasi che i parla, co importaza.
Peta che ghe vae rente, che se pol tocarli?
Ghe vol coraio, che nissuni me varda?
Trae i oci in giro, ma mi sol son qua a perdar temp.
Tacà la gran porta, par squasi de domandarghe al permesso.
Che me vegna un castigo?
Che la sia na colpa?
Magari i me la fa pagar cara.
Me par de vedar vegnar fora
zente importante, siora...
I xera lori che comandea a Feltre.
I magnea sui puareti, sui gnoranti,
i gratea tuto, ogni ano
su par le montagne.
Ma i ghe assea la paura, al dovuo rispetto.
Lori i ghe fea far fioi, tanti. 
I ghe assea pregar, a credar che al Signor
li gavaria salvà tuti dal inferno,
dopo morti de miseria, de fadigha.
Ma sti siori i savea la verità, 
i bacan i xera solamente pievore
da varnar. Dopo mili ani de sto tormento,
sta zente veneta de anquoi, no la sa gnanca
cossa che i ghe a robà.
Gnanca la imagina che dess i gha la anema sugada.
Far i servi par paroni che i gha sempre reson,
xe come morir.
Popolo che se porta rente sta malatia,
Lori gnanca i sa cossa sia essar liberi
de gratar un mur, par vedar se al xe vero.
Cossita mi, co coraio,
ghe meto sora la man a sentir
ste malte sporche.
Dopo co le onge, fraco entro sta rovina,
grato duro e cavo via un poca de polver.
La 'gnen via suito, seca e marza.
Mur morti, che i te varda co importanza.
No ghe resta altro.
Bei si? Satu ti che la belezza se pol comprarla
a peso?
Ma mai a noialtri puareti mai i ne la gha
regalada. Gnanca un sciantin.
Noialtri gavemo,
par nascita la colpa
de no saver come
cavarse sta miseria de 
gnoranza. 
E de contentarse
de no poder tirar fora le onge,
e finalmente almanco gratar
co rabia, sti mur.
Gian Berra

Gratta il muro.
Ma guarda! che vecchi muri a Feltre.
Sembra quasi che parlano, che importanza!
Dai che ci vado vicino, che si possa toccarli?
Ci vuol coraggio. Che nessuno mi guarda?
Do uno sguardo in giro, ma ci sono solo io qua a perdere tempo.
Vicino la gran porta, sembra quasi di chiederle il permesso.
Che venga castigato?
Che sia una colpa?
Magari me la fanno pagare cara.
Mi immagino venir fuori
gente importante, nobile...
Erano loro che comandavano a Feltre.
mangiavano sui poveri, sugli ignoranti.
grattavano tutto, ogni anno
su per le montagne.
Ma lasciavano loro la paura, e il dovuto rispetto.
Solo lasciavano loro a far figli, tanti.
Li lasciavano pregare, a credere che il Signore
li avrebbe salvati tutti dall'inferno.
dopo morti di miseria, di fatica.
Ma questi nobili sapevano la verità,
i montanari erano solo pecore
da allevare. Dopo mille anni di tale tormento,
questa gente veneta di oggi, nemmeno sa
cosa le hanno rubato.
Non sanno che adesso hanno l'anima arida.
Fare i servi per padroni che hanno sempre ragione,
è come morire.
Povero popolo che si porta dietro questa malattia.
Nemmeno sanno cosa sia essere liberi
di grattare un muro, per vedere se è vero.
Così io, con coraggio
vi metto sopra la mano per sentire queste malte sporche.
Poi con le unghie, spingo dentro questa rovina,
gratto duro e levo via un poca di polvere.
Viene subito via, secca e marcia.
Non resta altro.
Belli sì? 
Ma sai che la bellezza la puoi comprare a peso?
Ma mai, a noi poveracci ne hanno regalata, 
nemmeno un pochina.
Noi abbiamo 
per nascita, la colpa
di non saper come levarci
questa miseria di ignoranza.
E di accontentaci
di non potere tirar fuori
le unghie,
e finalmente almeno grattare
con rabbia
questi muri.
Gian Berra



Feltre, Che fadigha caminar co sto calt. Ma eco un tesoro che al me ferma sot al sol. Pena sot le mura na porta cea la me ferma a darghe un ocio. Che fascino, che malizia! Tuta de fer co sto luchet pa no far vegnar entro i barbari de anquoi. Chissà ndove che la porta, i la gavarà verta scavando soto le case de sora par ndar in centro co pì comodo. Ma varda qual buso de sora par spiar chi passava rente. Tondo, ceo ma xera un buso par le aneme venete furbe: meio darghe un ocio prima de fidarse. Quei de Feltre xera zente bona, ma no mona.





Il palazzo ducale a venezia come moschea?
I creatori della ricchezza a Venezia erano i mercanti, come erano da sempre gli arabi e i persiani. Gente pratica e poco intellettuale ( per fortuna). Viaggiavano da secoli per la Persia e la Siria a commerciare. Si trovavano in armonia con l'Islam e ne furono stregati. Appena i tempi furono maturi, importarono il modello architettonico delle moschee di Samarcanda. Quelle erano città di fango, ma con una meraviglia che illuminava tutto. Nella civiltà araba non si ostenta la ricchezza o il lusso, che devono rimanere “privati” entro mura anonime, ma la moschea è la casa di Dio, e può essere al massimo della ricchezza espressa.
Così i mercanti veneziani importarono questa bellezza a loro uso, per dare un altro favoloso gadget a Venezia. I mercanti sono gente pratica, prendono ciò che serve e lo usano( avevano importato il simbolo del leone e la reliquia preziosa di san Marco e trafugato i degni simboli della gloria romana a Costantinopoli...). 
Diedero al loro più importante palazzo ducale l'immagine della moschea più bella, e ne furono fieri.
Ma a differenza della cultura araba, le ricchezze venivano esposte con orgoglio. Nei palazzi, nel vestire e nella vita di ogni giorno. Furono forse i primi a usare i simboli presi dal mondo per onorare sé stessi. Veri mercanti costruirono la propria immagine con maestria. Venezia lo dimostra anche oggi. Ma poi accolsero anche senza accorgersi, anche gli aspetti orientali di fiducia nella fortuna, e così il mercante divenne intellettuale.

Gian Berra
— presso Venezia Piazza San Marco.

Nessun commento: